giovedì 19 dicembre 2013

Latte di mandorle

Il latte di mandorle è una bevanda ricavata appunto dalla macinazione delle mandorle dolci (Prunus communis). 
E’ molto utilizzato nei paesi mediorientali e nel sud dell’Italia, e può essere acquistato già pronto (leggere bene l’etichetta e accertarsi che le mandorle provengano da coltivazioni biologiche meglio se italiane) oppure meglio ancora può essere preparato in casa.


Da un punto di vista nutrizionale ha un contenuto proteico che può oscillare da 0,6 a 1g per 100 g di prodotto a seconda della ricetta utilizzata.

Per quanto riguarda il contenuto di grassi, questi sono inferiori al latte vaccino, e inoltre si tratta prevalentemente di acidi grassi mono- e polinsaturi. Non contiene colesterolo né lattosio, è quindi indicato anche per le persone che soffrono di intolleranza a questo zucchero.

Caffè e latte di mandorle
Il consumo abituale di latte di mandorle permette di assumere alcuni importanti nutrienti presenti nella frutta secca. Le mandorle sono particolarmente ricche di magnesio (molto importante ad esempio per la salute delle ossa, per la contrazione muscolare e per la regolazione del battito cardiaco) Zinco (indispensabile in molte reazione metaboliche e nella distruzione di radicali liberi) e di vitamina E che ha funzione antiossidante e protegge le nostre cellule dall’invecchiamento precoce.


E’ un ottima bevanda da utilizzare da sola al posto o per alternare il latte vaccino. 
Può essere inoltre utilizzato per preparare dolci e frullati.


Nessun commento: